Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

BANDO ISI ASSE 2: PROGETTI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (MMC)

I fondi destinati al secondo asse di finanziamento sono 45 milioni di euro.

Sono definiti, per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC):

  1. Le spese ammissibili a finanziamento che concorrono a formare l’importo totale del progetto;
  2. I parametri e i punteggi attribuiti ai progetti;
  3. Le Tipologie di intervento ammissibili a finanziamento con il dettaglio dei requisiti per la loro attuazione e la documentazione specifica da inviare nelle fasi di conferma e completamento della domanda e di rendicontazione finale.

SPESE AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO

Sono ammissibili a finanziamento:

  1. Le spese di progetto;
  2. Le spese tecniche e assimilabili.

Sono “spese di progetto” tutte quelle necessarie all’intervento. Sono “spese tecniche e ammissibili” le spese che si rendono necessarie per:

  • La redazione della perizia asseverata;
  • La produzione di progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati;
  • La direzione lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione;
  • La produzione di ogni documentazione o certificazione, riguardante l’intervento, richiesta dalla normativa, quali certificazioni di prova, di regolare esecuzione o collaudo, di prevenzione incendi, ecc…
  • Le denunce di messa in servizio di impianti;
  • Le relazioni e dichiarazioni asseverate ove richieste dalla normativa;
  • La corresponsione di oneri per il rilascio di autorizzazioni o nulla osta da parte di enti e amministrazioni preposte.

L’importo totale del progetto, dato dalla somma delle spese A e B, è finanziabile nella misura del 65% sempreché sia compreso tra il contributo minimo erogabile di 5.000 euro e il contributo massimo erogabile di 130.000 euro.

Le spese tecniche e ammissibili sono finanziabili entro la percentuale massima del 10% rispetto ai costi di cui al precedente punto A, con un importo massimo complessivo di 10.000 euro, ad eccezione del mero acquisto di trattori agricoli o forestali e/o di macchine per il quale la percentuale massima ammissibile è pari al 5% rispetto ai costi di cui al precedente punto A, con un importo massimo complessivo di 5.000 euro.

Ferme restando le condizioni di cui sopra, la spesa massima per la perizia asseverata è pari a 1.850 euro.

PARAMETRI E PUNTEGGI DEI PROGETTI

I parametri che concorrono a determinare il punteggio riguardano le caratteristiche aziendali e le caratteristiche dello specifico progetto. *

  • Dimensioni aziendali ULA (sezione 1)
  • Lavorazione svolta (sezione 2)
  • Tipologia di intervento (sezione 3)
  • Condivisione con le parti sociali (sezione 4)
  • Bonus buone prassi (sezione 5)
  • Bonu settori Ateco (sezione 6)

* I dati dei parametri di cui sopra che permettono la partecipazione sono reperibili dal consulente del lavoro aziendale.

TIPOLOGIE DI INTERVENTO AMMISSIBILI

Sono ammissibili a finanziamento esclusivamente i progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che ricadono all’interno delle Tipologie di intervento elencate nella sezione 3 della tabella 1. Il fattore di rischio relativo alla Tipologia di intervento deve essere coerente con l’attività aziendale di cui alla voce di tariffa selezionata nella domanda e deve essere riscontrabile, ove richiesto dal presente Allegato, nel documento di valutazione dei rischi (DVR).

Per i progetti che comportano l’acquisto di dispositivi medici, questi devono essere non usati e conformi al D.Lgs. 46/1997 art.1 comma 2 lettere a) b) e d) oppure conformi alla nuova legislazione comunitaria se vigente in materia alla data di immissione sul mercato del dispositivo medico.

Per i progetti che prevedono la sostituzione di macchine, ancorché non obbligatoria per la specifica Tipologia di intervento, le macchine da sostituire devono essere alienate dall’impresa/ente con modalità di alienazione che dipendono dalla data di immissione sul mercato.

La documentazione attestante l’alienazione delle macchine, da fornire in fase di rendicontazione, dovrà dare evidenza dei dati identificativi di ciascuna macchina venduta, permutata o rottamata (ad es. marca, modello, matricola, n.serie).

NON sono ammissibili a finanziamento le macchine movimento terra e i veicoli a motore e loro rimorchi, ad eccezione delle macchine installate su di essi.

Il rischio da movimentazione manuale dei carichi rappresenta un problema trasversale a molti settori produttivi, nei quali i lavoratori possono contrarre patologie da sovraccarico biomeccanico, sollevando e abbassando pesi, trainandoli o spingendoli, oppure muovendo frequentemente carichi leggeri.

L’Allegato completo è consultabile sul sito Inail.

Per maggiori informazioni chiama: 0932/626321 oppure invia un’email a:info@studio3job.it

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email