Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

COLTIVAZIONE DI ORTI E VENDITA DI PIANTE E SEMENTI: COSA SI PUO’ FARE NELLE DIVERSE REGIONI D’ITALIA

L’agricoltura è una delle attività che godono di tutela in questo periodo in cui l’Italia si trova a fronteggiare l’emergenza del Coronavirus. A livello nazionale nessuno può uscire di casa; lo impongono i decreti emanati dal Presidente del Consiglio, messi in atto proprio per evitare una maggiore diffusione del contagio sull’intero territorio nazionale.

Se, dunque, chi ha validi motivi, siano questi di salute o di lavoro, può uscire di casa, per tutti gli altri c’è il divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione.
Chi, quindi, ha un’attività agricola è tenuto ad uscire per recarsi a lavoro, ma questo non vale per gli hobbisti, cioè quegli agricoltori che non hanno nell’attività agricola la loro fonte di reddito.

Giovedì 26 marzo scorso, tuttavia, la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova ha annunciato la riapertura della filiera florovivaistica. Per tutti i cittadini sarà così possibile uscire di casa per andare nei vivai, nei garden center, dai fioristi e negli store della Gdo che vendono piante in vaso, sementi, piantine, fertilizzanti e altri prodotti utili al giardinaggio e alla conduzione di orti.

Il paradosso è però che a livello nazionale è possibile comprare piante e fiori ma per utilizzarli solo sui propri terrazzi o nei propri giardini. Non è possibile, ad esempio, andare nel proprio fondo a coltivare piantine o sementi.

Ma ogni Regione e ogni comune possono adottare un modo proprio.
Per esempio la Sardegna ha deciso di consentire la conduzione di orti anche distanti dalla propria abitazione, la Campania sembra chiudere alla possibilità di riapertura del commercio di prodotti florovivaistici, mentre le regioni del Nord più colpite, come la Lombardia, hanno adottato misure più restrittive, vietando la riapertura di garden center, vivai e simili.
In Sicilia la Giunta regionale non ha adottato provvedimenti a riguardo, quindi valgono le disposizioni a livello nazionale: è consentita la vendita diretta dei prodotti florovivaistici ed è vietata la conduzione di orti al di fuori della propria abitazione.

Fonte: Agronotizie

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email