Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

CULTURA DELLA SICUREZZA

La gestione della sicurezza è legata molto spesso al concetto di cultura della sicurezza. Cosa si esprime con questo concetto? Cosa è la cultura della sicurezza nell’organizzazione del contesto lavorativo?

Ogni organizzazione ha la sua cultura della sicurezza ma non è improbabile che ne esista più di una. In questo caso, però, nessuna è davvero rappresentativa dell’azienda.

La cultura della sicurezza è propria di una data organizzazione, si sviluppa e si esprime in modo diverso in ogni contesto operativo. Ciò che conta è essere consapevoli di quale sia quella della propria organizzazione e conoscerne i fattori caratterizzanti. 

Quali sono questi fattori? Per prima cosa è necessario comprendere quale sia il grado di maturità di tali fattori rispetto agli obiettivi della sicurezza del lavoro nella propria realtà organizzativa e più in generale rispetto agli obiettivi di miglioramento; in secondo luogo è essenziale scegliere gli indicatori più rappresentativi del proprio contesto. 

Tra questi potrebbe essere utile considerare:

  • gli indicatori di performance della gestione della sicurezza (il numero di eventi infortunistici e incidentali, le tendenze e quanti altri ’organizzazione adotta e tiene in considerazione);
  • il numero di segnalazioni ricevute dai lavoratori;
  • i metodi e i criteri di classificazione degli eventi e la presenza di specialisti incaricati di occuparsi dei diversi ambiti (sicurezza occupazionale, sicurezza di processo, ecc.);
  • il numero e la qualità delle verifiche di ambienti e processi svolte;
  • il numero e la qualità delle behavioral safety visit svolte dai manager;
  • il numero di behavioral safety visit svolte dal top managment;
  • le iniziative e i progetti svolti in ambito HSE per migliorare condizioni di lavoro e processi;
  • le modalità di gestione dei fornitori;
  • il processo di formazione e qualifica dei lavoratori;
  • gli output delle verifiche interne e di terza parte;
  • i metodi di comunicazione nell’ambito dell’organizzazione;
  • il coinvolgimento e la partecipazione dei lavoratori nella gestione della sicurezza.

L’analisi di questi e altri fattori fa comprendere quanto la cultura della sicurezza sia radicata, matura e incisiva nell’ambito dell’organizzazione in esame. In questo modo si potrà meglio inquadrare il contesto e identificare le priorità e i margini di azione, oltre a programmare attività e iniziative. La cultura della sicurezza diventa uno strumento che si rafforza man mano che viene usato.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email