Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Essendo una normativa sulla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, il D.Lgs. 81/08 dedica ampio spazio all’utilizzo delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale (DPI).

Il Testo Unico in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro stabilisce che:

  • Non è consentito rimuovere i dispositivi di protezione e pulire, manutenere o riparare macchinari in moto o in movimento;
  • Tutti i macchinari e tutte le attrezzature presenti all’interno dell’azienda devono essere periodicamente sottoposti a manutenzione ordinaria;
  • E’ assolutamente indispensabile custodire e proteggere i componenti pericolosi dei macchinari che possono generare pericoli di taglio, compressione ed espulsione violenta di materiale.

Il datore di lavoro ha il compito di:

  • adeguare i macchinari e gli impianti alla normativa vigente;
  • effettuare una valutazione dei rischi relativa all’utilizzo e all’efficienza delle attrezzature;
  • fornire ai lavoratori le attrezzature necessarie per far fronte alle emergenze che si verificano in azienda, in modo da salvaguardare la salute di tutte le persone presenti all’interno degli spazi aziendali.

Queste attrezzature sono destinate ad essere utilizzate in base alle direttive impartite dal datore di lavoro, il quale si adopera affinché siano sempre sottoposte a manutenzione, allo scopo di preservarne l’integrità e la sicurezza.

I rischi non sono causati solamente dai macchinari o dagli attrezzi ma per “rischio” si intende anche quello derivante da sostanze pericolose o da agenti esterni, come gli agenti biologici. Per questo il datore di lavoro deve prestare attenzione al corretto funzionamento dei macchinari e degli utensili ma, allo stesso tempo, deve assicurarsi che sul posto di lavoro i lavoratori siano ben muniti di dispositivi in grado di proteggerli pure dall’inalazione o dal contatto con determinate sostanze dannose.

L’attenzione prestata dal datore di lavoro ed il controllo che esercita all’interno dei suoi locali deve riguardare anche le postazioni dei lavoratori ed in particolar modo le posizioni che questi acquisiscono mentre adoperano macchinari ed utensili che servono per svolgere la propria mansione. In questo caso tutti gli strumenti utilizzati devono essere ergonomici.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email