Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

SICUREZZA ALIMENTARE: COVID-19 E INGESTIONE DI SOSTANZE PERICOLOSE PER SCONFIGGERLO

Nello scorso mese di aprile in Iran molte persone, cercando una cura contro il Coronavirus e prendendo per veri i falsi rimedi anti-Covid che circolavano su Internet, sono state avvelenate dall’alcool metanolo, altre 90 hanno subito danni agli occhi o perso la vista mentre più di 700 sono morte. Una delle fake news che circolavano sui social era, infatti, quella secondo la quale l’alcool metanolo fosse in grado di debellare il virus.

Il metanolo è un derivato dell’etanolo che si ottiene per distillazione ed è comunemente usato come solvente e reagente nei processi chimici industriali oltre ad essere un sottoprodotto nella produzione delle bevande alcoliche. È una sostanza pericolosa per l’essere umano perché può essere assorbito attraverso la cute, le vie respiratorie e l’intestino producendo gravi intossicazioni.

I sintomi più frequenti sono:

  • disturbi visivi,
  • dolore toracico,
  • nausea,
  • iperventilazione,
  • cecità,
  • odore di formaldeide nell’alito,
  • bradicardia,
  • coma,
  • convulsioni.

Anche negli Stai Uniti si è verificato un episodio simile. Dopo la diretta televisiva durante la quale Trump ha suggerito la possibilità di iniettare disinfettanti negli organi interni dei pazienti per eliminare il virus, molte persone sono state ricoverate per aver ingerito del disinfettante.

La paura, i folli consigli dati da persone autorevoli e le fake news prese per vere, hanno spinto molte persone a bere disinfettanti che, oltre a non avere alcuna utilità nel combattere il Coronavirus, si sono rivelati ancora più pericolosi in quanto composti anche da metanolo.
L’FDA (Food and Drug Administration) ha identificato 75 gel mani disinfettanti, contenenti etanolo (alcool etilico) e metanolo. Le indagini sono ancora in corso ma intanto l’FDA ha redatto una lista di questi prodotti invitando tutti, consumatori e operatori sanitari, a non usarli.

Inoltre vengono ricordati i comportamenti da tenere per evitare il contagio; tra questi lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi, soprattutto dopo essere andati in bagno, prima di mangiare e dopo aver tossito, starnutito o soffiato il naso. Se il sapone e l’acqua non fossero disponibili allora è consigliato usare un disinfettante per le mani a base di alcool che contiene almeno il 60% di etanolo.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email