Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

SICUREZZA ALIMENTARE: NASCE SAFER, L’ETICHETTA INTELLIGENTE

Le nuove etichette intelligenti Safer Smart Labels sono frutto del lavoro di un team di ricerca dell’Università di Pavia. I creatori hanno ideato un dispositivo che, interagendo con l’atmosfera all’interno della confezione, cambia colore indicando il grado di freschezza dell’alimento. Questo sistema permette di conoscere in tempo reale lo stato di conservazione dei cibi, evitando così sprechi e soprattutto rischi per la salute.

Le Safer Smart Labels si possono usare, per il momento, solo per monitorare pesce, carne e latte, ma gli ideatori stanno lavorando per ottimizzare l’etichetta e ampliare la gamma di alimenti compatibili.

Queste etichette sono più precise della data di scadenza, in quanto influenzate anche da eventuali problemi di conservazione come l’interruzione della catena del freddo e perché sono in grado di informarci, ad esempio, che le fettine di pollo che avevamo dimenticato di avere in frigo si possono ancora mangiare, ma è meglio cuocerle immediatamente e bene. Sono capaci, quindi, di prolungare la shelf life di un prodotto 

L’etichetta intelligente Safer non richiede circuiti elettronici, né app da scaricare, ma è un sensore su un supporto di plastica che si può inserire nelle normali confezioni in vendita al supermercato; sull’etichetta sono presenti reagenti che captano le reazioni chimiche che avvengono all’interno della confezione. In base a queste reazionii reagenti cambiano colore come in una sorta di semaforo, in base al livello di degradazione del cibo.

Accanto a questi bollini è presente la legenda composta da tre righe per interpretare correttamente le tonalità dei colori presenti nei bollini.

Icolori previsti dall’etichetta sono 6 e vanno dal blu intenso al giallo. Quando la legenda indicherà la nascita delle prime reazioni chimiche all’interno del pacchetto, non vorrà dire che il prodotto sarà da buttare. La Safer in zona intermedia indica l’iniziale decomposizione delle proteine, quindi possiamo mangiare carne, pesce o bere il latte, ma dobbiamo stare più attenti alla cottura.

Le fasi evidenziate sono tre:

  1. nella prima riga della legenda l’alimento è fresco;
  2. nella seconda viene indicato se il cibo può ancora essere consumato;
  3. nella terza fase l’alimento non è più commestibile.

Un’idea semplice e al contempo rivoluzionaria.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email