Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

SICUREZZA ALIMENTARE: QUALITA’ DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre la direttiva UE 2020/2184 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, il cui obiettivo è la protezione della salute umana dagli effetti negativi derivanti dalla contaminazione delle acque, garantendone la salubrità e la pulizia, nonché il miglioramento dell’accesso.

La direttiva precedente 98/83/CE, recepita a livello nazionale dal decreto legislativo 31/2001, è abrogata con abrogazione che prende effetto il 13 gennaio 2023.

Per quanto riguarda le tempistiche di recepimento della nuova direttiva, gli Stati membri sono tenuti a rispettare gli obblighi di cui all’articolo 24 della stessa disposizione, ovvero:

“Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative necessarie per conformarsi agli articoli da 1a 18 e all’articolo 23 e agli allegati da I a V entro il 12 gennaio 2023.”

Essi comunicano immediatamente alla Commissione il testo di tali disposizioni. Le disposizioni adottate dagli Stati membri contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di tale riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Entro il 12 gennaio 2026 gli Stati membri adottano le misure necessarie a garantire che le acque destinate al consumo umano soddisfino i valori di riferimento.

Tra le modifiche più interessanti ci sono:

1) esplicito riferimento all’approccio basato sul rischio, in conformità con gli orientamenti dell’OMS in merito alla sicurezza della risorsa idrica (già citato nella direttiva UE 2015/1787);

2) il criterio microbiologico per Legionella spp, inserito come parametro di valutazione del rischio per sistemi di distribuzione domestici;

3) l’inserimento del criterio chimico per il piombo come parametro di valutazione del rischio per sistemi di distribuzione domestici ( questo contaminante compariva già nella precedente direttiva UE 2015/1787, ma solo in riferimento alle procedure di prelievo effettuato dal rubinetto del consumatore).

La presente direttiva, consultabile e scaricabile qui, entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email