Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

SMART WORKING: IL LAVORO AGILE COMPORTA SOLO BENEFICI?

Prima dell’emergenza Coronavirus, a lavorare da casa in Italia si contavano circa 570 mila persone. Dopo l’esplosione della pandemia, nel giro di due settimane, secondo i dati riportati dal Ministero del Lavoro, il numero dei lavoratori che hanno adottato lo smart working è aumentato in modo significativo.  

Molti lavoratori hanno dovuto riadattare il proprio stile di vita e di lavoro e spesso lavorare da casa ha comportato una serie di vantaggi sia per l’azienda che per i dipendenti: minori giorni di assenza, minori costi, maggiore rispetto delle scadenze, maggiore efficienza sul lavoro, possibilità di stare più tempo con la famiglia, mangiare sano e praticare esercizio fisico.

Nonostante questi vantaggi, però, alcune ricerche recenti hanno rilevato come questa nuova tipologia di lavoro tenda a diminuire lo spazio fisico e psicologico tra vita privata e lavorativa, rendendo il lavoratore iperconnesso, aumentando il rischio da stress da lavoro-correlato.  

Alcune interviste effettuate a campioni di lavoratori hanno evidenziato come molti di questi:

  • Abbiano lavorato almeno un’ora in più al giorno: ossia circa 20 ore (quasi 3 giorni) in più al mese;
  • Abbiano iniziato le giornate in anticipo per terminarle più tardi, andando oltre le canoniche 8 ore;
  • Si siano sentiti spinti a rispondere più rapidamente e ad essere disponibili online più a lungo del normale;
  • Si siano sentiti più ansiosi e stressati per il proprio lavoro rispetto a prima;
  • Abbiano avuto difficoltà a staccare la spina a fine giornata.

Tutti questi segnali evidenziano come si possa incorrere nel rischio di sviluppare una sindrome da Workaholism, termine coniato da Oates, come unione delle parole “work” (lavoro) e “alcoholism” (alcolismo).

Con questo termine si vogliono indicare le persone la cui necessità di lavoro è diventata così forte che può costituire un pericolo per la loro salute, la felicità personale, le relazioni interpersonali e il funzionamento sociale. 

I sintomi più ricorrenti nel Workaholism sono:

  • Tempo eccessivo dedicato volontariamente e consapevolmente al lavoro (più di 12 ore al giorno, compresi week end e vacanze) non dovuto a esigenze economiche o a richieste lavorative;
  • Pensieri ossessivi e preoccupazioni collegati al lavoro (scadenze, appuntamenti, timore di perdere il lavoro);
  • Poche ore dedicate al sonno notturno con conseguenti irritabilità, aumento di peso, disturbi psicofisici;
  • Impoverimento emotivo, sbalzi di umore e facile irritabilità;
  • Sintomi di astinenza in assenza di lavoro (ansia e panico);
  • Abuso di sostanze stimolanti come la caffeina.

Negli ultimi decenni, la tecnologia ha reso il Workaholism più diffuso che mai: l’era digitale, le caratteristiche e le modalità del lavoro odierno comportano nuovi rischi per il lavoratore. 

Per questo, anche se lavorare da casa sembra un’ottima strategia per fronteggiare una crisi di qualsiasi natura, agevolando l’azienda e il lavoratore, non bisogna dimenticare di porre la giusta attenzione alle vulnerabilità lavorative e alle conseguenze negative che lo smart working comporta per la salute dei lavoratori.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email