Via Dante, 112

Ragusa, RG

0932 626321

info@studio3job.it

Lun - Ven: 9:00 - 13:00 /
15:00 - 18:00

STUDIOTRE

STUDIOTRE

SICUREZZA ALIMENTARE: COME CONSERVARE (BENE) L’OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

L’olio extravergine di oliva è un prodotto vivo, naturale, che va conservato in un luogo fresco, lontano da fonti di luce o calore, in modo da evitare sbalzi termici. Se le condizioni di conservazione non sono ottimali, l’olio si può degradare e il suo sapore e aspetto saranno diversi.

Dal trasporto fino a quando arriva sullo scaffale del negozio e/o sul tavolo del ristorante o di casa, la corretta conservazione dell’olio extravergine di oliva impone di evitare fonti di calore, colpi d’aria o sbalzi termici. Le alte temperature, infatti, danneggiano l’olio in modo irreversibile, poiché perde le caratteristiche organolettiche iniziali. È indicato riporre le bottiglie in un locale chiuso, a una temperatura compresa tra 16° e 20°. È sconsigliato congelare l’olio poiché il processo di congelazione favorisce la precipitazione dei polifenoli impoverendo il gusto e la qualità.

L’olio, inoltre, va tenuto lontano da detersivi molto profumati, non va riposto in locali con muffe, oppure saturi di fumo poiché è in grado di assorbirne l’essenza. Un’altra accortezza è quella di chiudere sempre bene il tappo per evitare il pericolo di ossidazione che danneggia la materia prima.

L’olio non ha una scadenza precisa; sull’etichetta infatti è riportato il ”termine minimo di conservazione”, ovvero un intervallo di tempo entro il quale mantiene  le sue caratteristiche nutritive e organolettiche, che dopo cominciano a scemare.  Il termine minimo di conservazione preferibile è di 12 -18 mesi. Secondo il Consiglio Oleicolo internazionale non si dovrebbero mai superare i 24 mesi. L’olio, quindi, non è un prodotto che migliora invecchiando.

Un discorso a parte va fatto per l’extravergine servito nei ristoranti. Per legge non si possono più usare le vecchie oliere, ma bottiglie con etichetta e tappo antirabbocco studiato in modo tale da impedire una fuoriuscita abbondante di olio.

Quando si acquista l’olio al supermercato conviene leggere sempre l’origine sull’etichetta e scegliere le bottiglie di vetro scuro in grado di proteggere l’olio dal sole e dalla luce, evitando modifiche alla qualità.

Anche il colore è importante: le sfumature possono variare dal giallo oro sino al verde intenso. Se la sfumatura è tendente al rosso-arancio vuol dire che l’extravergine è ossidato. Se invece si notano residui sul fondo non c’è da preoccuparsi, perché si tratta di un fenomeno naturale di sedimentazione delle sostanze sospese, tipico degli oli non filtrati.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email